“I politici dovrebbero essere accusati di una quantita’ sterminata di reati, che io enuncio solo moralmente: indegnita’, disprezzo per i cittadini, manipolazione del denaro pubblico, intrallazzo con i petrolieri, con i banchieri, connivenza con la mafia, alto tradimento in favore di una nazione straniera, collaborazione con la Cia, uso illecito di servizi segreti, responsabilita’ nelle stragi.. responsabilita’ della degradazione antropologica degli italiani…” Pier Paolo Pasolini (1975)

venerdì 18 marzo 2016

Il nuovo QE di Draghi: l’istigazione al consumo senza lavoro

















La BCE rilancia sul Quantitative Easing, paga le banche per prendere i suoi soldi creati dal nulla a patto che queste non li riparcheggino nei forzieri della stessa BCE (se non pagando) e che li usino non per comprare titoli di Stato ma per fare credito a imprese e famiglie.Non posso credere che un economista esperto come Mario Draghi non sappia che in condizioni di trappola della liquidità (vi ricordate Keynes?) nessuna banca e nessuna impresa ha il potere di incentivare gli investimenti in presenza di incertezza dinamica della domanda aggregata; ma allora perché ha dato il via a questa sciocchezza? Come si pretende che le imprese possano puntare su un incremento della produzione per poi dover tenere in magazzino le loro merci invendute?
Come si pretende di vedere innalzare il tasso di inflazione a quel seppur misero +2% che dovrebbe essere l’obiettivo statutario della BCE, senza abbattere considerevolmente il tasso di disoccupazione ? continua su Appello al Popolo

http://www.appelloalpopolo.it/?p=15495