“I politici dovrebbero essere accusati di una quantita’ sterminata di reati, che io enuncio solo moralmente: indegnita’, disprezzo per i cittadini, manipolazione del denaro pubblico, intrallazzo con i petrolieri, con i banchieri, connivenza con la mafia, alto tradimento in favore di una nazione straniera, collaborazione con la Cia, uso illecito di servizi segreti, responsabilita’ nelle stragi.. responsabilita’ della degradazione antropologica degli italiani…” Pier Paolo Pasolini (1975)

lunedì 9 gennaio 2017

La più bella dell’anno: la Cia lamenta ingerenze esterne





















Non sono passati nemmeno 10 giorni dall’inizio del 2017 che abbiamo già la più bella battuta dell’anno: la Cia che si lamenta delle ingerenze esterne. Dopo 70 anni di intromissioni, interferenze, intrusioni, pressioni, stragi e colpi di stato in tutto il pianeta i poveri spioni americani piangono calde lacrime di coccodrillo, anzi di tirannosauro.


La più bella dell’anno: la Cia lamenta ingerenze esterne Di il Simplicissimus

Ma come si conviene a un’agenzia di spionaggio piange per qualcosa che non esiste, per una tesi priva di qualsiasi prova messa in piedi per volontà dell’asse Obama – Clinton e poteri grigi nel tentativo in extremis di sbarrare la strada a Trump. Si tratta della famosa accusa a Putin di aver determinato il disastro di Hillary piratando le sue lettere, praticamente in combutta con Trump.

Il piano era di lanciare questa tesi inquietante e stravagante assieme perché essa convincesse gli elettori a non votare il tycoon, ma una volta fallito questo obiettivo si è passati al piano B: insistere su questa tesi delirante per convincere i grandi elettori a tradire il voto ed eleggere comunque la Clinton. Andato in acido anche questo piano, si è passati alla fase C: non demordere dalle posizioni nella speranza che le accuse di ingerenza nelle elezioni a favore di Trump accompagnata da opportune provocazioni come le grandi manovre militari ai confini russi o l’espulsione di 35 diplomatici di Mosca dagli Usa, avrebbero fatto saltare i nervi a Putin dando così inizio a uno scontro frontale e dunque anche a un impeachment intrinseco di Trump come agente del nemico. Questi vedono troppi telefilm e serie tv, si sono bevuti il cervello, sono diventati dei feroci dilettanti: chiunque si sarebbe accorto del trappolone e infatti il leader russo ha mantenuto una calma olimpica e invece di espellere a sua volta di diplomatici americani, li ha invitati alla festa di Capodanno nella Piazza rossa.

Intanto però la Cia si era sputtanata e non poteva lasciar cadere la cosa come se niente fosse anche perché questa volta avrebbe dato l’impressione di essersi ingerita in questioni interne cercando di favorire l’elezione della Clinton: così tre giorni fa e dopo due mesi e mezzo di inconsistenti rivelazioni e di imbarazzi ha presentato insieme a Nsa e Fbi un rapporto ufficiale e publico che è un vero scandalo visto che le accuse sul presunto hackeraggio di Putin vengono ribadite, ma ancora senza nemmeno uno straccio di prova mentre si appellano grottescamente solo al fatto che il capo del partito liberal democratico russo, Vladimir Žirinovskij , acerrimo nemico di Putin e uomo “americano” a tutto tondo, abbia detto che in Russia si sarebbe brindato per l’elezione di Trump o sottolinenado le critiche alla politica americana presenti sulla rete informativa russa Rt, tratte tuttavia da quelle pubblicate sugli stessi giornali Usa.

Siamo al delirio e di fronte a una tracotanza senza limiti che denuncia lo stato comatoso della democrazia americana: non si può rendere pubblico un rapporto, peraltro non firmato da nessuno in cui si dice in sostanza che è così, ma che le prove non possono essere fornite per questioni di sicurezza. Ed è per questo che il rapporto non ha convinto nessuno, nemmeno tra i partigiani più accesi della Clinton. Un supporter di Hillary e amico di John Podesta oltre che notissimo editorialista del New York Times e della CNBC, John Harwood ha lanciato un sondaggio fra i suoi centomila followers e su più di 65 mila risposte ha constato che solo il 17% crede in ciò che dicono i servizi contro l’83% che crede in Wikileaks. D’accordo non è un sondaggio rappresentativo, però si tratta di un risultato clamoroso visto l’ambiente in cui ha pescato.

Ma in realtà anche le reazioni dell’informazione mainstream sono state generalmente negative: il Daily Beast, tra i più grandi siti di informazione online degli Usa, tanto da aver inglobato anche Newsweek, dice che la Cia parla senza avere alcuna pezza di appoggio. E per evitare che si parli di post verità della rete dirò che l’editore di questo giornale online è stato in precedenza quello del Wall Street Journal. La NBCNews dal canto suo sostiene che “ci sono molti giudizi di valori, ma pochi fatti e nessuna prova tangibile nel rapporto sul presunto pirataggio russo”. E le stesse cose dicono il the Atlantic (forse la più antica e prestigiosa rivista americana essendo stata fondata nel 1857, da Emerson, Longfellow (traduttore della Divina Commedia in lingua inglese) e Lowell (fondatore a Boston del Circolo Dante), il Weekly Standard e molti altri. In realtà dentro questa vicenda, come dimostra anche l’assenza delle firme c’è molto di più: il complotto se così vogliamo dire di una parte di servizi che teme la decimazione con l’arrivo di Trump e che evidentemente ha collegamenti molto ampi con la zona grigia del potere tanto da tentare una sorta di golpe bianco. Del resto quando un presidente come Obama chiama alla direzione della maggiore centrale di intelligence di un tipo come John Brennan ideatore del trasferimento di terroristi o presunti tali, diciamo pure oppositori degli Usa, in Paesi dove avrebbero potuto essere torturati senza che sorgessero problemi, vuol dire che il marcio è già dilagato.

continua a leggere l'articolo su il Simplicissimus


https://ilsimplicissimus2.com/2017/01/09/la-piu-bella-dellanno-la-cia-lamenta-ingerenze-esterne/