“I politici dovrebbero essere accusati di una quantita’ sterminata di reati, che io enuncio solo moralmente: indegnita’, disprezzo per i cittadini, manipolazione del denaro pubblico, intrallazzo con i petrolieri, con i banchieri, connivenza con la mafia, alto tradimento in favore di una nazione straniera, collaborazione con la Cia, uso illecito di servizi segreti, responsabilita’ nelle stragi.. responsabilita’ della degradazione antropologica degli italiani…” Pier Paolo Pasolini (1975)

sabato 18 giugno 2016

Jo Cox e la zona franca















C'è una parte di società cinica e totalmente assorbita dalla 'simpatia' o 'antipatia' verso situazioni che possano favorire o meno le loro attività. È una zona mostruosa.

Di Turi Comito. Alcuni giornali (Il Sole 24 Ore, il Corriere) fanno notare come l'assassinio della deputata laburista Jo Cox possa fare pendere la bilancia del voto referendario inglese dal lato del "Remain" piuttosto che da quello della Brexit. Deducono questa ipotesi dal fatto che oggi i famosi "mercati" invece che chiudere con clamorose perdite come nei giorni scorsi, hanno "limitato i danni". I "mercati", infatti, tifano perché la Gran Bretagna resti dentro l'Unione europea e, evidentemente, questo fatto di sangue deve avere convinto speculatori e scommettitori che l'omicidio spingerà una parte significativa dell'elettorato, magari quello indeciso o astensionista, in questa direzione.

E così, mentre mezza Europa ascoltava incredula la notizia della morte della deputata ed in Gran Bretagna si sospendeva la campagna referendaria per lutto e solidarietà verso la vittima, i "mercati" scommettevano, speculavano e ragionavano su quanto si poteva guadagnare dall'evento e per quanto tempo.

Naturalmente non è una novità che i "mercati", qualunque cosa di disgustoso accada sulla faccia della terra (terremoti, guerre, pestilenze, stragi, ecc.), continuino a "lavorare", a fare affari, a scommettere sugli effetti che provocano quei disastri e a cercare di lucrarci. E siccome non è una novità non ci si dovrebbe stupire di questo cinismo da bisca clandestina.
E infatti io non mi stupisco.

Attiro solo l'attenzione su questo fatto che forse sfugge tanto si dà per scontato: c'è una parte di società, una parte di mondo - si badi bene: potentissima e ormai in grado di decidere le sorti del resto della società e del resto del mondo - che è del tutto esente dal lutto, dalla solidarietà, dalla testimonianza o, almeno, dal silenzio rispettoso che, se non altro pubblicamente, dovrebbero essere dovuti alla sofferenza umana quando questa assume caratteristiche di catastrofi o di fatti particolarmente odiosi di interesse nazionale o internazionale.

Questa parte di società è, invece, una zona franca. Inattaccabile sia dalla politica che dalle manifestazioni di piazza. Dai partiti come dai sindacati. Dai media come dalle grandi personalità pubbliche. Totalmente avulsa, perfino ipocritamente, dall'empatia e invece completamente assorbita dalla "simpatia" o "antipatia" verso uomini e cose che possono favorire o danneggiare le loro attività. È una zona mostruosa, per potere e per cinismo. E fino a che questa mostruosità, cioè i "mercati", sarà svincolata da qualunque forma di umanità e da qualunque controllo politico che ne limiti (se nel caso anche a torto) il potere e l'influenza e anzi questa "zona franca" continui ad essere essa stessa padrona della politica e dell'umanità, forse non dovremo stupirci tanto se qualcuno ammazza qualcun altro urlando "Allah Akbar" o "First Britain".
Dovremo forse riflettere un poco di più su come sia possibile che qualcun altro faccia affari e lucri sugli assassini e sugli assassinati.

Articolo correlato: http://bit.ly/1tzkHGB (Il Sole 24 Ore)

Fonte: da un post Facebook di Turi Comito.


Articolo letto Su Megachip